ROCK INSTITUTE & MUSIC COLLEGE
ROCK INSTITUTE & MUSIC COLLEGE
ROCK INSTITUTE
ROCK INSTITUTE

PRODUZIONI ARTISTICHE DEI NOSTRI DOCENTI E ALLIEVI

clicca sull'immagine per accedere al sito

I The Fool Fall Far sono un ambizioso progetto nato nell’autunno 2010, un hammond trio moderno, poco convenzionale, una formazione jazz sperimentale che presenta una miscela di linguaggi e sonorità tradizionali e d’avanguardia, in un risultato finale che sa di jazz ma soprattutto di contaminazione. I tre protagonisti sono Alberto Milani alla chitarra elettrica e basso, Gianpaolo Rinaldi al Fender rhodes, synth e organo hammond, e il bellunese Giorgio Murer alla batteria.
I tre eclettici musicisti iniziano il loro percorso insieme unendo le loro esperienze e il loro sound nella rivisitazione di brani del repertorio anni 60/70 di prevalente estrazione fiatistica (Wayne Shorter, John Coltrane, Miles Davis, Joe Henderson, ecc). Successivamente si discostano dalla tradizione jazz-rock per andare in una direzione più intimista e personale, in cui s’intersecano diversi mondi sonori e influenze, dal jazz contemporaneo newyorkese alle sonorità evocative, malinconiche e psichedeliche tipiche del trip-hop e della tradizione musicale nordeuropea. Scrivono e danno forma alle loro composizioni che andranno a far parte del loro primo disco omonimo (THE FOOL FALL FAR) in uscita nell’autunno 2014, e ad esse abbinano cover rivisitate con il loro modo e suono inconfondibile, passando dai Nirvana, ai Massive Attack ai Radiohead a Davis. La sintesi finale è un puzzle fitto di evocazioni generazionali ma altrettanto di estrema modernità e sincretismo stilistico, in cui convergono ampie parti improvvisative con raffinata ricerca spazio-sonora ed interplay, groove, psichedelia e sperimentazione, e un gusto molto caratterizzante e personale nella scrittura e nell’arrangiamento di ogni brano.

 

PER ACQUISTARE: http://www.jazzos.com/detail0.php?prod=TFFF01

 

oppure scaricalo direttamente da itunes https://itunes.apple.com/us/album/the-fool-fall-far/id937289164

Clicca sull'immagine per info

ALBERTO MILANI

 

 

PER AQUISTARE E ASCOLTARE https://itunes.apple.com/it/album/in-fusion/id488796992

Clicca sull'immagine per info

Straordinario Album, dove la chitarra si inserisce in un contesto musicale molto particolare..dando un risultato che mai si era sentito prima d'ora. Assolutamente da avere!!!

 

PER ACQUISTARE E ASCOLTARE  https://itunes.apple.com/it/album/non-temperato/id830717890

Clicca sull'immagine per info

ALBERTO MILANI

 

PER ACQUISTARE E ASCOLTARE  https://itunes.apple.com/it/artist/alberto-milani/id319585975

Clicca sull'immagine per info

WILLIAM DE BONA

 

Music composer and guitarist, I love any kind of music style from classic Rock to the Fusion, from Prog Rock to the Heavy Metal...everything matched with the Blues!
I have started to collect old material that I created many years ago and at the end I said... publish it!
I have written all the parts starting from the guitars and the drums, then the bass guideline, the vocals and last but not least the guitar solos!

 

 

PER ACQUISTARE E ASCOLTARE

 

https://itunes.apple.com/it/album/pietra-ep/id1071478164

 

http://www.cdbaby.com/cd/williamdebona

 

 

Clicca sull'immagine per info

VIvamente consigliato agli amanti del prog e non!

Fresco, mai prolisso, ritmato e ricercato; qui ogni musicista riesce ad esprimersi ai massimi livelli trasportandoci in atmosfere a volte davvero piacevolmente inaspettate. Da sottolineare anche la magnifica interpretazione della cantante, voce che si sposa perfettamente con la musica...una voce morbita ma incisiva! Notevole anche la produzione.

 

Complimenti a questi 8 ragazzi!!!

 

PER ASCOLTARE ed ACQUISTARE:

 

https://itunes.apple.com/it/album/ii/id1088368793

 

https://madfellaz.bandcamp.com/

Clicca sull'immagine per info

Shivan were born in the 90's, from the idea of founder member Giovanni Landolina, as a band of friends in their twenties, with a great passion for gothic/black metal (very popular in these years). In 1997 the band recorded their first four track demo titled "Bitter As Gall" (in cassette tape); it got good reviews and allowed the band to perform their first live gigs in Veneto, Italy. "Whatever Lot's Above" their first full-length was released in 2002 for "Pulsar Light records". The songwriting was influenced by black/extreme metal while maintaining a decadent sound. In the following year singer Massimo "Beba" Buonerba and drummer Francesco Soccal joined the band. With this lineup Shivan completely left behind the extreme sounds to come closer to cadenced rhythms and gothic metal with influences like Paradise Lost, Anathema and Moonspell, but mixed with the anger of classic metal and dark/wave sounds. In 2007 the band released "When Wishes Sicken" under "My Kingdom Music", composed of 8 track and a remix, recorded at "Majestic Studios". In 2011 Shivan recorded a cover "Aurora B" original by Krisma (renowned new wave/elettronic band from Italy), that is included in the official tribute "Chybernation". In the meantime, bass player Elia Dalla Pola joined the band. Now after years of inactivity Shivan are back with their new album "Necessary Illusions" recorded by Rossano Palù (Db Boulevard/La Fuertezza) which brings an even more decadent and angry sound. The band explores the past and the lives of each member with their emotions, fears, aspirations, but always looking forward in a continuous contrasts. Current members: Massimo “Beba” Buonerba – vocals, Giovanni Landolina – guitars and keyboard, Elia Dalla Pola – bass, Fausto Cancian - guitars, Francesco Soccal – drums.

 

 

PER ACQUISTARE E ASCOLTARE https://itunes.apple.com/it/album/necessary-illusions/id1057879571

Clicca sull'immagine per info

Un’altra storia di passione, amore e indistruttibile attitudine per l’ala più oltranzista del metal. Quella che a volte separa black, thrash e death, ma che a volte li unisce nella lotta contro il metal cosiddetto ‘convenzionale’.

Una storia intitolata Eternal Sex And War che comincia quando, nelle fredde terre dell’italico Nord-Ovest – anno 2007 – Thorshammer (voce, chitarra) e Gornhar (batteria), scelgono di tuffarsi nelle pieghe dell’underground alla ricerca delle influenze genuine che hanno ‘dato il la’ al metal estremo.

Dopo la pubblicazione del debut-album “Abuse Or Be Used”, nel 2010 Dr. Faustus prende il posto di Rayback al basso, stabilizzando così la line-up sì da creare i presupposti per la realizzazione del secondo full-length, “Negative Monoliths”, uscito da pochi mesi sotto l’egida della Quality Steel Records.   

Più su si è accennato non casualmente all’unione dei tre generi più cattivi del metal. Gli Eternal Sex And War, infatti, definiscono il proprio stile con una sintesi assoluta: ‘evil metal’. Due parole, una frase, per disegnare nella sua completezza l’universo musicale del malvagio trio. Incurante di mode, contaminazioni, evoluzioni, progressioni. Concentrato nell’unico obiettivo prefigurato all’inizio della loro storia. Quello, cioè, di stringere quanto più possibile le corde attorno al nucleo primordiale che, trent’anni fa, diede origine ai getti di gas interstellare dai quali si sono poi addensati black, thrash e death.

Il risultato di tutto questo, malgrado l’apparente complessità della genesi, è un sound davvero poco comune, oggi. Un sound paragonabile in un certo qual modo a quello dei mostruosi Anaal Nathrakh, anche se i Nostri pigiano sull’acceleratore con parecchia forza in meno dei britannici, lasciando che s’intrufolino, nella rotazione dei gas propulsivi, anche delle molecole di doom; quando – e non sono pochi i momenti – il numero dei BPM cala vertiginosamente (“Hallucinated By The Ungod Of Exile”). Anche se, mai dimenticarlo, Eternal Sex And War sono una poderosa macchina da guerra che, non appena la velocità diverge grazie al salto energetico provocato dai blast-beats, mirano esclusivamente a strappare l’apparato uditivo di chi ascolta (“Endless Dogmatic Demolition”).

La produzione, minimale e grezza come la carta di vetro a grana grossa, se di primo acchito appare demodé, in realtà s’identifica come un valore aggiunto al sound di Thorshammer e compagni; tale da rendere il sound stesso agile, snello, ma dannatamente urticante, da strappare le carni con le sue rotanti propaggini aguzze.   

Come da impostazione filosofica, la natura dell’Opera la rende inevitabilmente destinata a navigare a mo’ di sottomarino di profondità nelle scure profondità oceaniche dell’underground. Se le song di “Negative Monoliths” non compariranno nella programmazione delle più gettonate radio mainstream, poco male. Anzi, bene!  

Onore agli Eternal Sex And War e alla loro incrollabile fede nel metallo. In quello... ‘evil’!

 

 

PER ACQUISTARE E ASCOLTARE https://itunes.apple.com/us/artist/eternal-sex-and-war/id934379360

Clicca sull'immagine per info

I Catch a Fyah sono una giovane reggae band nata nel 2010, formata da cinque ragazzi di Pordenone e dintorni. Dopo cinque anni di attività live, esce il loro primo LP “Shine”, frutto del lavoro con Paolo Baldini per Alambic Conspiracy.

 

PER ACQUISTARE

https://itunes.apple.com/it/album/shine/id1089036765

 

https://www.discogs.com/sell/release/8150045

 

PER ASCOLTARE https://play.spotify.com/album/4MV0mFrtOQm53KJh5nKjdO

Clicca sull'immagine per info

I Loud Chemistry sono una band formata nel 2012 dall'incontro tra il cantante Claudio Vollaro e il chitarrista Alberto Milani ai quali, dopo un anno, si uniscono il bassista Andrea Lombardini e il batterista Giorgio Murer.

Cresciuti tra diverse esperienze musicali, sintetizzano e proseguono il percorso aperto dall'ultimo periodo d'oro del rock cominciato a metà degli anni novanta col grunge di Seattle, lo stoner californiano e l'alternative rock inglese.

I Loud Chemistry suonano un rock tanto muscolare quanto raffinato, mantenendo e a tratti esasperando quel lato cupo e decadente tipico del genere.

Mescolando richiami al passato con una contemporaneità mai nostalgica, la musica scorre originale e personale nel suono pieno e curato, nelle composizioni elaborate e negli arrangiamenti dal forte impatto.

I Loud Chemistry debuttano il 1 novembre 2013 pubblicando l'EP omonimo, masterizzato da Rodney Mills in USA e distribuito digitalmente in tutto il mondo. Il logo e l'art work sono creati dall'artista grafico Giovanni di Natale.

L'EP contiene quattro brani originali (Vultures, Angels in a box, Hell flames' garden, Tonight) scelti tra un repertorio più vasto, come specchio della varietà e del carattere del quartetto.

Del singolo Vultures è stato prodotto un videoclip realizzato grazie alla collaborazione di Lorenzo Lamagna - Shortymedia.

L'inverno del 2013 segna anche l'inizio dell'attività live dei Loud Chemistry, capaci di uno spettacolo grintoso, coinvolgente e dal sound internazionale. Il repertorio è formato quasi interamente da composizioni originali, intervallate da qualche omaggio ai gruppi a cui la band si è ispirata nel proprio percorso musicale.

 

 

PER ACQUISTARE E ASCOLTARE https://itunes.apple.com/it/artist/loud-chemistry/id726290694

Clicca sull'immagine per info

IVAN GERONAZZO

Ci sono persone che hanno il coraggio di  guardare in faccia il proprio destino e di intraprendere un cammino professionale difficilissimo, impossibile a volte. Sto parlando nella fattispecie di Ivan, detto “ciacco”: un ragazzo che ai compiti di matematica ha sempre preferito la chitarra, alla letteratura i testi delle canzoni di Vasco; che oggi esce con tutto il suo sound  spremuto in un album solista.

“Fuori dal giro” è l’esordio di chi è escluso da quella manciata di artisti le cui note ridondanti riempiono i palinsesti radio e le poltrone delle ospitate televisive; un “presente” da infondo all’aula, un’alzata di mano, flebile e sussurrata, a voler dire “si, ci sono anch’io”. La scoperta di una sensibilità particolare, che tra le varie sonorità predilige – e che coraggio! – quella calda ed intima della chitarra acustica; che ti pone dei seri dubbi sul disturbo bipolare di chi adora nel contempo Vasco –argh!! – e Pat Metheny, elogia Arisa ma chiude il suo primo disco con una cover di Peter Gabriel e dedica un pezzo – “For Tommy” – ad una leggenda come Tommy Emmanuel venendo notato e ringraziato dallo stesso.

Un primo EP dall’animo profondamente pop per struttura, suoni e arrangiamenti – meraviglioso in questo senso il lavoro di Giovanni Boscariol. Gli accompagnamenti sono plasmati sulla base morbida della Martin D41 del solista a creare atmosfere eteree, in un mondo di sensazioni impalpabili capaci di emozionare anche un vero rocker dall’animo roccioso.

 

 

PER ACQUISTARE E ASCOLTARE https://itunes.apple.com/it/album/fuori-dal-giro/id666891912

Stampa Stampa | Mappa del sito
© ROCK INSTITUTE Via Postumia ovest 71 31048 Olmi di San Biagio di Callalta